Fukushima Day

Roma – 10/3/2013
L’11 marzo del 2011, un terremoto e uno tsunami colpirono la zona del Tōhoku e provocarono un incidente, tutt’ora in corso, nella centrale nucleare di Fukushima. E’ stato soprattutto quest’ultimo a spingere tante associazioni e movimenti ad mobilitarsi contro il nucleare, per salvaguardare la salute degli abitanti di Fukushima (soprattutto dei bambini), in Giappone e anche fuori dal Giappone.  L’11 marzo è stato istituito il “Fukushima Day” e anche quest’anno ci sono state varie iniziative a livello mondiale.  Nell’ambito del “Fukushima Day”, grazie alla collaborazione del Cineclub Detour, il 10 marzo a Roma TomoAmici ha riproposto la proiezione del film L’isola degli àuguri. Questo film non ha un rapporto diretto con la disgrazia di Fukushima, ma ci fa riflettere molto sul rapporto fondamentale tra l’uomo e la natura. Abbiamo letto un discorso della Signora Ruiko Mutō, presidentessa del comitato di Class action contro i responsabili dell’incidente della centrale nucleare di Fukushima, una lettera di una mamma di Kōriyama (Shūdan Sokai ) e il bellissimo Messaggio della regista Hanabusa. Anche una responsabile di  Legambiente, la Signora Maria Maranò, è intervenuta con un messaggio di solidarietà per non dimenticare Fukushima.  TomoAmici ha aderito anche all’appello lanciato dalle donne giapponesi, Una luce per Fukushima, di accendere una candelina la notte del 10 marzo, per ricordare le vittime della catastrofe e riflettere sull’uso dell’energia nucleare.