Dall’Italia “Hana wa Saku”

       Torino –  marzo 2014       この記事の日本語版はこちらから⇒
Anche TomoAmici partecipa all’ iniziativa di NHK (Rai giapponese), “Hana wa Saku” cantata da 10 milioni di persone. L’amicizia tra i bambini italiani e di Fukushima  è accompagnata da questa canzone. Qualche settimana fa, TomoAmici ha visitato la scuola primaria “Caterina Cortina” di Levone (TO) per consegnare i portachiavi regalati dalla signora Asako Ōishi di “Wakewake Charity Project (Ginnastica per stare insieme). Questo portachiavi è stato prodotto dai cittadini di Rikuzentakata città rimasta colpita fortemente dallo tsunami del 2011 utilizzando le macerie. Le due foto di questa città, le quali si vedono nel video, erano state scattate dopo un anno della catastrofe naturale.

                       Dopo aver guardato i video;“Grazie!” e “Condivisione per Fukushima” dove si parla proprio di loro, i bambini hanno cominciato ad imparare a fare gli origami, e dopo abbiamo registrato “Ganbattene!”, la parola di incoraggiamento. Abbiamo passato un bellissimo pomeriggio.
❀  ❀  ❀  ❀  ❀  ❀  ❀  

Un’ altro protagonista di questo video è
La scuola Zen, Mizu no Oto,  di cui la capo scuola è il maestro Paolo Spagone.
I praticanti di arti marziali di questa scuola, sono stati formidabili per avere imparato a cantare in giapponese in così poco tempo e quasi senza prova.
La realizzazione di questo video ha rinforzato la nostra collaborazione iniziata nell’occasione di “Vedo, sento e…”nel 2012.
                    
Le due foto interno del video sono dell’occasione del concerto per commemorazione delle vittime del terremoto del 1923.
TomoAmici ringrazia tutti cantanti del video e le persone che ci hanno aiutato per la realizzazione di questo video  Dall’Italia “Hana wa Saku” .