“Vedo, sento e……?”

Leinì (TO) – ” Vedo, Sento e…? ” ideato e realizzato da TomoAmici, è stato presentato alla scuola di danza Nuova arabesque di Leinì, il 3 luglio.  All’apertura, Chie Wada di TomoAmici ha espresso solidarietà per i terremotati colpiti recentemente in Emilia, ringraziando le persone che hannno contribuito alla realizzazione di questo progetto. Nella prima parte, “Vedo”,  è stato proiettato uno slideshow di foto scattate nella regione Tōhoku un anno dopo lo tsunami, “Uno sguardo a ciò che non c’è più“. Nella seconda parte, hanno letto ad alta voce le lettere da Fukushima e l’appello lanciato dalla signora Mutō alla manifestazione contro il nucleare il 19/09/2011 a Tokyo. Prima della terza parte, la presidente di TomoAmici ha chiesto di partecipare alle due raccolte di firme, partite dall’Italia dal Giappone 
contro il nucleare ed al Processo per l’evacuazione collettiva dei bambini di Fukushima. Nella terza parte, “la nostra reazione”, ha presentato 4 episodi; 1. Una signora tedesca che ha creato polipi di lana per aiutare, sia psicologicamente che economicamente, la gente del Tōhoku. 2. Il Lions Club di Asti e di Tamurachō di Fukushima hanno realizzato una libreria per i bambini di Fukushima, 3. Il biologo Akira Miyawaki ha proposto  delle barriere contro gli tsunami, progetto in via di realizzazione, utilizzando le macerie generate dallo stesso tsunami e con delle piante e degli alberi appositi. 4. Le risposte dei bambini italiani, dopo aver ascoltato le lettere dei bambini di Fukushima, lette dalla loro maestra. Questa realtà giapponese non è  tranquillizzante, ma queste risposte hanno tirato su il morale dei partecipanti della serata.     ⇒Le foto
Potete partecipare anche voi alle  nostre proposte!
⇒Pagina Fukushima di questo sito. (Primi tre articoli)

Lascia un commento