Ponte fra Italia e Giappone-TomoAmici

In primo piano

Notizie da TomoAmici
Torino 10/10/2020
Nell’ambito di # Festivalnonviolenza, il convegno “Torino città delle armi?” organizzato dal Coordinamento per la pace si è tenuto nella Sala Poli del Centro studi di Sereno Regis di Torino ed è stato trasmesso su Youtube.
Leggi la sintesi ⇒  
Guarda il video ⇒ 
Fukushima 27/08/2020
La “Dichiarazione in opposizione allo sversamento nell’oceano dell’acqua contaminata prodotta dall’incidente della Centrale nucleare Daiichi di Fukushima” del coordinamento civico “Non inquinare più il mare!” è stata tradotta in italiano da Antoniomarco Gennaro ed è pubblicata sul nostro sito.
Leggi la dichiarazione

Torino 06/08/2020
“Mai più Hiroshima e Nagasaki!”
Nell’occasione del 75° anniversario del primo uso della bomba nucleare a Hiroshima, il coordinamento AGiTe (contro le armi atomiche tutte le guerre e i terrorismi), che raggruppa circa 70 associazioni piemontesi tra cui TomoAmici, ha aggiunto le altre due iniziative. Per saperne di più ⇒

Torino 20/06/2020
La nuova paginaGiochiamo la terra” di Chiara Contatore è stata aggiunta come sottoelemento della pagina di Youtube. In questa pagina, sono pubblicati i video sugli animali in via di estinzione del mondo.

 

Torino 06/04/2020 
AGITE-Piemonte (
Coordinamento cittadini, associazioni, enti e istituzioni contro l’atomica, tutte le guerre e i terrorismi di Piemonte) pubblico questo appello.
Meno armi più ospedali !          (06/04/2020 )

 

Fukushima il marzo 2020
La presidente dell’associazione degli accusatori contro i responsabili dell’incidente nucleare di Fukushima, signora Ruiko Mutō, ha inviato al mondo il messaggio per 9° anniversario dell’incidente nucleare di Fukushima. 
Per leggere, cliccare ⇒
Cari amici di tutto il mondo

Torino 29/02~08/03 2020
AGITE piemonte di cui TomoAmici fa parte partecipa alla
II° Marcia Mondiale per la Pace e le Nonviolenza,
(dal2/10/ 2019 Madrid all’8 /3/2020 Madrid)
Il programma di Torino ha subito qualche modifica per l’emergenza sanitaria.  Per sapere i dettagli ⇒

Il saluto torinese alla Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Il saluto torinese alla Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza #MarciaMondialePaceNonviolenza #TorinoPace #TorinoNonviolenza

Pubblicato da AGITE Piemonte su Domenica 1 marzo 2020

 

Mai più Hiroshima e Nagasaki 2020!

Torino – 6 agosto 2020Il 4 agosto 2020, il coordinamento AGiTe (contro le armi atomiche tutte le guerre e i terrorismi), che raggruppa circa 70 associazioni piemontesi tra cui TomoAmici, invita il Parlamento a ricordare il 6 agosto l’anniversario del bombardamento atomico di Hiroshima, affinché tale ricorrenza sia di monito per procedere al più presto al disarmo nucleare. In tale occasione ribadiamo la nostra richiesta al governo italiano di ratificare il Trattato ONU che mette al bando le armi atomiche.
In questo anno, nell’occasione del 75° anniversario del primo uso della bomba nucleare, AGiTe si è rivolto ad 11 deputati della nostra regione, il Piemonte, che in occasione delle elezioni del 2018 si erano impegnati ad adoprarsi per questo stesso scopo. Per leggere ⇒ il testo della lettera inviata
Come ogni anno, giovedi 6 agosto si è tenuta una iniziativa per commemorare la tragedia di Hiroshima e Nagasaki in Piazza Carignano Torino organizzata dalla Casa Umanista di Torino con la collaborazione del coordinamento AGiTe
                   
Erano presenti i vari componenti del coordinamento;
Casa Umanista di Torino,  
Centro studi Sereno Regis, 
CGIL,
Chiesa di Scientology di Torino

Gruppo interreligioso Insieme per la pace di Torino, 
Mir-Mn Piemonte (Movimento Internazionale della Riconciliazione)
Partito Democratico,
Partito della Rifondazione Comunista,  
 
Senz’atomica (Soka Gakkai),
TomoAmici  e i cittadini singoli.
                   
I vari interventi chiedevano; : 
– La ratiffica del trattato ONU da parte dell’Italia,
– La pace nel mondo,
– L’uscita dalla NATO,
– Stop alla vendità delle armi
– Fuori bombe nucleari degli Stati Uniti dal terittorio italiano
                     

Anche è stato citato l’articolo del prof Angelo Baracca 
pubblicato sul settimanale Left  del 1/8/2020.
Da TomoAmici, Chie Wada ha cantato due canzoni, per esprimere il sentimento di tutti presenti per le vittime di Hiroshima e Nagasaki;
Nel Giappone di Hiroshima Il vento dei ricordi (Un requiem per le vittime della bomba nucleare di Hiroshima) 
Durante l’iniziativa, hanno comunicato che il senatore Mauro Laos ha fatto l’interrogazione al Parlamento. Il coordinamento ringrazia il senatore Mauro Laus  per aver accolto l’invito del Coordinamento AGITE Piemonte  e aver preso la parola in Parlamento oggi, 6 agosto 2020, per ricordare la tragedia di Hiroshima e Nagasaki, denunciare l’atrocita’ delle armi nucleari e invitare il governo italiano a sostenere il Trattato ONU di messa al bando delle armi nucleari. #ItaliaRipensaci
⇒ Per vedere il video dell’interrogazione.

Proiezione del film “Un coperchio sul sole”

Cancellazione delle proiezioni del film “Un coperchio sul sole”
Purtroppo nonostante che avevamo preparato fino all’ultimo momento, dopo l’ordinanza Regionale Piemonte e successivamente quella della Regione Marche, abbiamo deciso di cancellare questo programma e rinviare tutte le proiezioni nell’autunno prossimo.
—————————————————————————————————————-
✦L’11/03/2020- ore:21, a Cecchi Point , Via Antonio Cecchi, 17, 10152 Torino TO
✦Il 13/03 – ore 17:30 a Cinema Politeama, Via Piave, 3, 10015 Ivrea TO
✦Il 17/03 – ore 20:45 a CinemaTeatro Loreto, Via Giovanni Mirabelli 3, 61122 Pesaro (PU)
✦Il 18/03 a Urbino
✦il 21/03 a Jesi
✦il 24/03 a PostModernissimo Via del Carmine, 4, 06121 Perugia
✦Il 26/03 Pino Torinese (TO)
✦Il 27/03 ore 21, al teatro E. Fassino c/o La Fabrica in Via IV Novembre 19 – Avigliana (TO)
VI ASPETTIAMO!!
Locandina x TorinoLocandina x Ivrea  * Locandina x Pesaro

Marcia mondiale per la Pace-Torino

AGITE piemonte di cui TomoAmici fa parte partecipa alla II° Marcia Mondiale per la Pace e le Nonviolenza, e le preparazione stavano andando avanti a pieno ritmo. Ma l’ordinanza regionale di Piemonte del 23 febbraio ci ha obbligato di modificare il programma. Per sapere come sono andate, leggete l’articolo della Pressenza (Internazionale Press Agency) del 9/3/2020 scritto da Giorgio Mancuso di Casa umanista di Torino. La Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza a Torino

La Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza a Torino       09/03/2020
                                                                                   Giorgio Mancuso

(Foto di Gen Cucciniello)

L’emergenza Corona Virus ha fortemente ridimensionato gli eventi torinesi della Marcia Mondiale per la pace e la nonviolenza: è rimasto in piedi l’evento più simbolico della Mole Antonelliana colorata di giallo e gli incontri istituzionali in Comune. L’appuntamento con gli eventi più popolari è solo rimandato a settembre, durante l’appendice straordinaria della marcia in Italia. Questo breve articolo racconta la storia del comitato promotore torinese nato a partire dal coordinamento AGITE

L’8 marzo si è conclusa a Madrid la seconda marcia mondiale per la pace e la nonviolenza; il passaggio della marcia a Torino era previsto per lunedì 2 marzo, con la presenza in città di un marciatore/marciatrice dell’equipe base. Intorno a questo evento dalla forte valenza simbolica è stato costruito un intenso calendario di attività che, a partire da sabato 29 febbraio, doveva accompagnare la visita del marciatore a Torino.

Il programma era pensato per portare le istanze della marcia mondiale a tutti i livelli possibili.

A livello popolare attraverso un gazebo informativo in piazza Castello per tutta la durata degli eventi; a livello di attivisti ed attiviste con due marce per pace nelle vie di Moncalieri e di Torino; a livello di mass-media con una colorazione apposita per la Mole Antonelliana; a livello istituzionale era previsto l’incontro del marciatore/marciatrice con la sindaca Appendino e l’assemblea dei Capigruppo del Consiglio Comunale di Torino.  In contemporanea erano previste tre proiezioni del docufilm L’inizio della fine delle armi nucleari, due a Torino ed una ad Ivrea.

L’inizio del percorso torinese ed il coordinamento AGITE

Il coordinamento di cittadine e cittadini, associazioni, enti e istituzioni locali contro l’Atomica, tutte le Guerre e i Terrorismi, più brevemente AGITE, nasce nel 2017 e riunisce più di ottanta associazioni e singoli per promuovere la firma del trattato ONU TPAN per il bando delle armi nucleari.

Il coordinamento ha promosso la nascita del comitato locale torinese per la Marcia Mondiale per facilitare la partecipazione di altri soggetti interessati ed ha definito un calendario di attività.

La prima e partecipata riunione organizzativa per gli eventi della Marcia si è tenuta a inizio gennaio e da lì il comitato si è riunito con cadenza quasi settimanale per organizzare i vari aspetti: permessi, disponibilità, rapporto con le istituzioni, rapporto con i mass-media, diffusione web e social, cartelloni e striscioni ecc.

Il coordinamento con il comitato promotore nazionale

Al lavoro locale è stato necessario aggiungere il coordinamento con il livello nazionale per gestire il calendario degli eventi italiani e i viaggi dei marciatori: questo coordinamento si è concretizzato con una riunione presenziale a Milano e due riunioni virtuali che hanno definito un calendario di eventi nazionali nutrito e complesso, ma possibile.

Tutto pronto ma …

Domenica 23 febbraio i lavori organizzativi erano a buon punto, sia a livello locale che a livello nazionale, ma proprio in quel week end si entra prepotentemente nell’emergenza COVID-19 con il primo decreto-legge che limitava fortemente le possibilità di attività pubbliche: il decreto chiudeva le scuole fino a sabato 29 febbraio e annullava tutte le manifestazioni pubbliche fino a quella data nelle regioni a rischio.

Gran parte della attività previste nelle regioni del nord Italia diventano impossibili: inoltre, per evitare rischi sanitari per i marciatori/marciatrici e difficoltà a rientrare in Spagna per la fine della marcia, in una concitata riunione virtuale si annullano i viaggi in Italia con l’idea di riproporre il giro italiano fra qualche mese.

A livello torinese decidiamo di mantenere le attività in calendario che risultano possibili: annullate le marce di sabato 29 febbraio, la proiezione del docufilm a Torino ed il gazebo. Rimangono in programma la conferenza stampa del 25 febbraio, i gazebi e le proiezioni di domenica e lunedì, gli appuntamenti istituzionali.

Nei giorni successivi siamo costretti ad annullare, sempre per effetto dell’emergenza COVID-19, la conferenza stampa, il gazebo di domenica ed altre due proiezioni.

Rimangono in piedi solo due degli eventi previsti: l’illuminazione della Mole Antonelliana e gli incontri istituzionali.

La Mole Antonelliana colorata di giallo per la Pace e la Nonviolenza

Grazie alla disponibilità del Comune di Torino la Mole Antonelliana si colora di giallo per la Pace e la Nonviolenza: questo evento, ancora possibile in tempi di Corona Virus, ha consentito una copertura stampa sufficiente, con approfonditi articoli su Torino Oggi e sulla Repubblica online.

 
 

Abbiamo approfittato di questa suggestiva cornice per salutare da Torino gli altri comitati promotori italiani e l’equipe mondiale.
 ⇒ Un saluto da sotto la Mole Antonelliana 

Il saluto torinese alla Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza

Il saluto torinese alla Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza #MarciaMondialePaceNonviolenza #TorinoPace #TorinoNonviolenza

Pubblicato da AGITE Piemonte su Domenica 1 marzo 2020

Le visite istituzionali

Lunedì 2 marzo una delegazione del coordinamento Agite è stata ricevuta dall’Assessore Marco Giusta, delegato della sindaca Appendino. Nel primo pomeriggio il consiglio comunale è stato interrotto per alcuni minuti per permettere all’assemblea dei capigruppo di ricevere la delegazione.

La delegazione ha presentato le istanze della Marcia Mondiale, con particolare attenzione alla firma del TPAN, aggiungendo alcune preoccupazioni locali sul progetto per la trasformazione di Torino e del Piemonte in un polo dell’industria militare: quest’ultimo sarà un tema di lavoro del comitato per i prossimi.